+39.02.890.52.694

Consolle Guglielmo Ulrich Anni 30 / 40 /50

Cerchi Consolle Guglielmo Ulrich Anni 30 / 40 /50? Consulta il nostro catalogo nel Menu e sfoglia fra i prodotti disponibili in questo momento.

Oppure Chiamaci al numero +39.02.890.52.694 per chiederci informazioni 



Guglielmo Ulrich nasce a Milano nel 1904 da Alberto e Luisa Battaglia. Di nobile famiglia di origine danese, frequenta l’Accademia di Brera e, dopo un biennio, nel 1928 si laurea in architettura al Politecnico di Milano.  Negli anni 30 fonda, con Scaglia e Wild, la società Arca (Arredamento casa) di cui sarà il progettista e che presenterà oggetti realizzati con grande cura e valore artigianale utilizzando materiali preziosi ed esotici. Fin dall'inizio Ulrich si differenzia nel panorama Milanese, adottando un uso a-cronologico della storia, cercando cioè liberamente le proprie corrispondenze, come ad esempio l'uso di riferimenti cineserie e i successivi richiami allo stile chippendale; si differenzia inoltre per la particolare cura del dettaglio, e per il suo modo di disciplinare, ordinare e catalogare il lavoro sempre per pezzi (mobili) e mai per insiemi (interni, arredamenti). Ulrich è specchio delle profonde trasformazioni che vive Milano nella prima metà del Novecento, con la capacità di adottare un suo linguaggio ed esprimere un mondo più misurato ed elegante, migliorandolo. Più che la scuola, le famose riviste come Domus, le Triennali, è proprio la città con le sue atmosfere e la sua cultura ciò che di fatto permette, facilita e determina il lavoro di Ulrich; sono le trasformazioni economiche e sociali e la loro ricaduta sul tema della casa e della città che permettono a Ulrich di realizzarsi. La trasformazione delle abitazioni del periodo tra le due guerre è generato proprio dalle spinte necessarie ed irrefrenabili della realtà stessa, e in questo grande passaggio dall'abitazione ottocentesca alla casa moderna, Ulrich ritaglia un suo spazio, contribuendo al cambiamento, sia nell'ambito dell'architettura ma soprattutto nell'arredo di interni. Come Galleria, la nostra ricerca si sofferma soprattutto sull'aspetto sicuramente più rappresentativo e simbolico del rinnovamento in senso moderno della casa: la consolle. Le consolle o tavoli da muro, oltre ad essere collocate all'ingresso dell'abitazione, hanno un loro percorso di progressiva identità tipologica che partendo dal tavolo, e quindi ad un piano sostenuto da gambe, si allontana fino a defluire nella più spinta semplificazione delle grandi mensole appese alle pareti. L'appoggio e il fissaggio a muro infatti pongono la consolle in libertà statica, permettendo così uno sfogo degli aspetti decorativi e degli esperimenti formali indipendenti da leggi di portata e stabilità. Possiamo riconoscere sostanzialmente tre famiglie formali delle strutture: tradizionali a tavoli schiacciati o modificati, a cassettoni, a scaffalatura e a reticolo; "iper architettoniche" o a setti ortogonali o paralleli negli anni30, e successivamente forme antropomorfiche e sinuose, ad intreccio o a linea continua, risolte sempre con materiali di grande rappresentatività. I materiali sono tutti quelli dell'infinita gamma ulrichiana con una forte presenza di lacche, pergamene, marmi, specchi e metalli, oltre ai legni dalle essenze più esotiche. Spesso la possibilità di poter evitare i sostegni tradizionali diviene anch'essa esibizione, dimostrazione di "magia statica", riducendo le gambe a filiformi propaggini curvate e terminanti in finissimi puntali. Il trucco dell'affrancamento a muro c'è ma non di vede, e questo permette di creare incanto e meraviglia, proprio secondo quella ricetta del creare "stupefazione", racommandata nella retorica barocca settecentesca. 

 

 

 

 


Avanguardia Antiquaria è un luogo di ricerca sul tempo: una Galleria e spazio espositivo a Milano per opere d’arte, di antiquariato, modernariato e design del XX secolo.

La Galleria nasce nel 2005 dall'idea di far coabitare, nello stesso ambiente oggetti nati in luoghi e tempi diversi, è infatti uno spazio dove Stefano Vitali affianca alla sua continua ricerca di pezzi di antiquariato, art dèco e vintage design del Novecento, una profonda dedizione all'arte contemporanea, ospitando periodicamente mostre, personali e collettive, di artisti contemporanei; tra i tanti sempre presenti in Galleria le opere di Marcello Chiarenza, Giovanni Cerri, Antonino Negri, Fausto Rossi  e Silvia Levenson. Questo continuo dialogo tra narrazione del passato e ricerca artistica attuale è il fil rouge che ha dato vita all'ossimoro "Avanguardia Antiquaria".

All'eclettico spazio espositivo si affianca inoltre il laboratorio di conservazione e restauro di mobili antichi, dipinti, ceramiche e dorature che Stefano Vitali segue con altrettanza attenzione e precisione, operando da più di 25 anni nel settore. 

 

“Non ci sono bei pensieri senza belle forme, e viceversa.”      

(G. Flaubert)        

 

 
Alcuni degli oggetti trattati: sedute, poltrone,divani, daybeds, tavoli , tavolini , lampade, applique, piantane, lampadari, armadi, sideboard, consolle, scrivanie, specchiere, complementi, cornici
Siamo specializzati in: Vintage, Antiquariato, Modernariato, Design, Design Milano, Interiors, Interior Design, Restauro, Midcentury Furniture, Arte Contemporanea

Epoche: ANNI 20 - ANNI 30 - ANNI 40 - ANNI 50 - ANNI 60 - ANNI 70 - ANNI 80
Aziende / Marchi: Feal, Cassina, Formanova, Acerbis, Bernini, Tecno, Poltrona Frau, Herman Miller, Flos, Lumi, Stilnovo, Fontana Arte, Stilux, Luxo, Philips, Arredoluce, O-Luce