+39.02.890.52.694

Poltrone Osvaldo Borsani Anni 30 / 40 /50

Cerchi Poltrone Osvaldo Borsani Anni 30 / 40 /50? Consulta il nostro catalogo nel Menu e sfoglia fra i prodotti disponibili in questo momento.

Oppure Chiamaci al numero +39.02.890.52.694 per chiederci informazioni 



Osvaldo Borsani (Varedo, 1911 – Milano, 1985), una delle figure più complesse del design italiano del Novecento, è stato un architetto, designer e imprenditore italiano, fondatore dell'azienda Tecno. Nasce a Varedo in Brianza nel 1911 da una famiglia di costruttori di mobili con una lunga e consolidata tradizione artigiana; comincia all'eta di sedici anni a collaborare con l'Atelier di Varedo (ABV), l'azienda fondata dal padre Gaetano. Nel 1931 ottiene il diploma di maturità artistica presso l'Accademia di Belle Arti di Milano. Nello stesso anni si iscrive al primo anno del Biennio di Architettura, per poi laurearsi nel 1936, presso il Politecnico di Milano. Nel 1933 partecipa alla V Triennale di Milano con il progetto per la Casa minima, che viene premiato con la medaglia d'argento. Con la loro forma avvolgente, quasi aerodinamica, tipica del design americano degli anni '30, i modelli di poltrone di questi anni sono caratterizzati da linee molto ridotte e senza trapuntatura. Rispetto alla levigatezza plastica generale spiccano gli elementi in legno duro e laccato, che si trovano sul fronte e sul retro dei fianchi con il bracciolo inclinato e affusolato. Tra il 1946 e il 1952, Osvaldo Borsani progetta e sviluppa, affinando continuamente le linee, una tipica poltrona (con lo schienale attaccato ai fianchi imbottiti), che diventerà presto un elemento chiave negli schemi prodotti da ABV in quel periodo; tanto, infatti, che sarà presente nel primo catalogo Tecno come la p35. Nel 1953 Borsani fonda insieme al fratello Fulgenzio la ditta Tecno con lo scopo di trasformare l'azienda famigliare artigianale in una realtà industriale. La realizzazione di arredi speciali e di forniture su disegno viene così ad assumere una dimensione più contenuta in favore dell'avvio di una produzione di arredi in serie.Nel giro di pochi anni, Borsani porta innovazione tecnologica alla tipologia di sedia compatta e con braccioli, un complemento d'arredo in origine domestico che trova sempre più ubicazione negli ambienti d'ufficio. I principi progettuali di forma e postura rimangono praticamente invariati, mentre quelli di leggerezza, praticità e mobilità diventano un punto focale. In catalogo presentiamo un modello di poltroncina p35 dei primi anni 50, oltre alla famosa poltrona P40.  Nel 1955, dopo il successo del divano D70 alla X Triennale del 1954, Borsani lavora sull’idea del giunto meccanico per realizzare una poltrona con diversi movimenti in grado di corrispondere a diverse posizioni, soprattutto a uso relax. Con il progetto della P40 Borsani prova a sviluppare tecnologicamente le potenzialità della classica chaise longue già proposta dai più celebri architetti del Movimento Moderno, cercando di superare la classica “poltrona da riposo” fissa e ingombrante, per ottenere una poltrona di dimensioni più ridotte, ma che con un agevole sistema d’inclinazione a ventaglio può accogliere il corpo dalle posizioni più distese fino a chiudersi anche del tutto, in tutta una serie di gradazioni. Il risultato è una poltrona relax ad elementi mobili, composta da un piedistallo di metallo che sostiene il sedile e lo schienale imperniati in modo da consentire tutte le inclinazioni, un elemento ribaltabile sotto il sedile che completa il piano di appoggio, un appoggia-piedi sfilabile di metallo e braccioli di acciaio e gomma. L’imbottitura ha un rivestimento in tessuto o pelle. Tutta la struttura è in metallo verniciato in colore grigio piombo (dettagli in mettallo in finitura ottone) o nichel satinato (dettagli in metallo nella medesima finitura).

 

 


Avanguardia Antiquaria è un luogo di ricerca sul tempo: una Galleria e spazio espositivo a Milano per opere d’arte, di antiquariato, modernariato e design del XX secolo.

La Galleria nasce nel 2005 dall'idea di far coabitare, nello stesso ambiente oggetti nati in luoghi e tempi diversi, è infatti uno spazio dove Stefano Vitali affianca alla sua continua ricerca di pezzi di antiquariato, art dèco e vintage design del Novecento, una profonda dedizione all'arte contemporanea, ospitando periodicamente mostre, personali e collettive, di artisti contemporanei; tra i tanti sempre presenti in Galleria le opere di Marcello Chiarenza, Giovanni Cerri, Antonino Negri, Fausto Rossi  e Silvia Levenson. Questo continuo dialogo tra narrazione del passato e ricerca artistica attuale è il fil rouge che ha dato vita all'ossimoro "Avanguardia Antiquaria".

All'eclettico spazio espositivo si affianca inoltre il laboratorio di conservazione e restauro di mobili antichi, dipinti, ceramiche e dorature che Stefano Vitali segue con altrettanza attenzione e precisione, operando da più di 25 anni nel settore. 

 

“Non ci sono bei pensieri senza belle forme, e viceversa.”      

(G. Flaubert)        

 

 
Alcuni degli oggetti trattati: sedute, poltrone,divani, daybeds, tavoli , tavolini , lampade, applique, piantane, lampadari, armadi, sideboard, consolle, scrivanie, specchiere, complementi, cornici
Siamo specializzati in: Vintage, Antiquariato, Modernariato, Design, Design Milano, Interiors, Interior Design, Restauro, Midcentury Furniture, Arte Contemporanea

Epoche: ANNI 20 - ANNI 30 - ANNI 40 - ANNI 50 - ANNI 60 - ANNI 70 - ANNI 80
Aziende / Marchi: Feal, Cassina, Formanova, Acerbis, Bernini, Tecno, Poltrona Frau, Herman Miller, Flos, Lumi, Stilnovo, Fontana Arte, Stilux, Luxo, Philips, Arredoluce, O-Luce